La suscettibilità genetica nei confronti dell’artrite reumatoide (AR) è associata a un aumento del rischio di malattia coronarica (CAD) e di emorragia intracerebrale. Il risultato è emerso da uno studio recentemente pubblicato su “Arthritis & Rheumatology” da Shuai Yuan, del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia, e colleghi.

Gli autori hanno usato una tecnica di randomizzazione mendeliana per esaminare la causalità delle associazioni tra RA, CAD e ictus. Settanta polimorfismi indipendenti a singolo nucleotide fortemente associati alla RA sono stati selezionati come variabili strumentali da una meta-analisi di associazione sull’intero genoma che ha coinvolto 14.361 casi di RA e 43.923 controlli. Da meta-analisi di studi genetici, da consorzi genetici internazionali, dalla U.K. Biobank e dal consorzio FinnGen, sono stati ottenuti dati per CAD, qualsiasi tipo di ictus ischemico, emorragia intracerebrale ed emorragia subaracnoidea.

I ricercatori hanno scoperto che la suscettibilità genetica rispetto all’AR era associata a un rischio elevato di CAD e di emorragia intracerebrale, con odds ratio combinati di 1,02 e 1,05, rispettivamente, per un aumento di una unità di log odds di RA.

L’aumento dei livelli di fattore di necrosi tumorale e di proteina C-reattiva (CRP) è stato riscontrato in associazione alla responsabilità genetica nei confronti della RA. Dopo aggiustamento per i livelli di CRP geneticamente previsti, l’associazione con la CAD è stata attenuata. Non è stata osservata alcuna associazione della suscettibilità genetica alla RA con altri risultati studiati.

 

Back To Top