Il risultato è emerso da una metanalisi di 13 studi

I pazienti con colite ulcerosa hanno un maggior rischio di ridotta densità minerale ossea (BMD), indipendentemente dall’uso di steroidi. È quanto emerge dai risultati di una meta-analisi pubblicata su “Clinical and Translational Medicine” da Zhe Shen e colleghi dell’Università di Hangzhou, in Cina.

Al fine di valutare la potenziale relazione tra colite ulcerosa e BMD, gli autori hanno raccolto dati da 13 studi trasversali, pubblicati prima di agosto 2019, sui principali database di riviste medico-scientifiche. La meta-analisi ha riguardato 570 pazienti con UC e 584 controlli sani.

L’analisi dei dati ha mostrato complessivamente una differenza media standard (SMD) nel T-score pari a -0,24 nei pazienti con colite ulcerosa rispetto al gruppo di controllo, con un odds ratio di 6,41 per una bassa BMD nei pazienti affetti.

Quattro degli studi considerati hanno fornito dati di pazienti con colite ulcerosa mai trattati con steroidi. Per questi soggetti, la differenza media standard per la BMD è risultata di -0,55 rispetto ai soggetti di controllo, il che indica una significativa riduzione della BMD nonostante la mancanza di uso di steroidi.

Gli investigatori hanno segnalato alcune differenze significative per la BMD tra i sottogruppi rispetto al gruppo di controllo, in particolare per quanto riguarda l’origine geografica dei soggetti coinvolti, il loro indice di massa corporea e la loro età. I dati infatti mostrano una BMD inferiore negli europei con colite ulcerosa ( SMD: -0,25) rispetto agli statunitensi con colite ulcerosa (SMD: -0,03).

Anche i pazienti con il BMI più basso di 25 kg/m2 avevano una BMD minore (SMD: -0,24), mentre i pazienti con un BMI più alto presentavano una BMD maggiore (SMD: -0,08). I pazienti di età inferiore ai 45 anni avevano una BMD più alta (SMD, -0,16) rispetto ai pazienti più anziani (SMD, -0,52). Il gruppo più esposto al rischio di osteoporosi, in conclusione, era costituito da pazienti europei più anziani con colite ulcerosa e basso BMI.

Back To Top