Il decalogo della SIOT  per evitare rischi di cifosi e lordosi

Indirizzati in particolar modo ai ragazzi impegnati nell’attività scolastica i 10 consigli utili sulla corretta postura, diffusi dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) all’inizio dell’anno scolastico, sono un buon viatico per dedicare la giusta attenzione alla postura, fattore chiave per la difesa della colonna vertebrale.

Il primo consiglio ovviamente riguarda il peso dello zaino, che non dovrebbe superare il 15% del peso corporeo del ragazzo. Attenzione anche alla posizione al banco, con un rapporto corretto al rapporto tra seduta e piano dello scrittoio. Le sedie dovrebbero avere uno schienale alto e rigido, con un angolo di 90 gradi con la seduta. È buona norma che i piccoli pratichino sempre attività motoria a scuola: oltre alle ore canoniche di educazione fisica, sarebbero utili 10 minuti di esercizi a metà mattina, tutti i giorni. Fondamentale anche un’illuminazione ottimale in classe, sia essa naturale o artificiale, per non favorire posture scorrette. Lo stesso dicasi che la lavagna in classe sia alta e ben visibile e che la distanza di questa dai banchi non sia eccessiva. Le nuove tecnologie digitali come il tablet, se da una parte posso aiutare a diminuire il peso dei libri da portare sulle spalle, dall’altra possono favorire la cifosi, se usati in modo eccessivo. Anche in questo caso dunque bisogna fare caso alla postura durante l’utilizzo. Sempre per lo stesso motivo, sarebbe utile vietare l’uso di smartphone in classe.

In definitiva, sottolinea la nota della SIOT, l’obiettivo è quello di indurre i ragazzi a mantenere le spalle e il tronco sempre in posizione eretta in ogni occasione: quando sono seduti sia quando sono in piedi, sia quando studiano, leggono, scrivono, passeggiano, chattano o giocano.

Back To Top